Salone di Detroit: la Lexus LS 500

di Daniele Pace Commenta

Toyota ha presentato, al Salone di Detroit, la sua ammiraglia di lusso, la Lexus LS 500, che vuole stupire come la sua antenata degli anni '90.

Toyota ha presentato, al Salone di Detroit, la sua ammiraglia di lusso, la Lexus LS 500, che vuole stupire come la sua antenata degli anni ’90. Una berlina di 5 metri, tutti di lusso e tecnologia, per una coupé da 4 posti soltanto. Gli interni sono da vera star, a partire dai sedili riscaldabili che offrono anche il massaggio e 28 posizioni diverse, naturalmente con programmazione elettrica. L’ospitalità è un vero piacere, grazie alle sospensioni ad aria che facilitano l’uscita e l’entrata dei passeggeri, modificando l’altezza dal suolo. L’abitacolo è completamente insonorizzato, per “chiudere fuori” tutti i rumori e godersi l’impianto stereo di serie Mark Levinson 3D.

La guida è estremamente confortevole, grazie alla combinazione dei componenti riassunta e computerizzata nel Vehicle Dynamics Integrated Management, il sistema di gestione dinamica del motore, dei freni, delle sospensioni in alluminio, delle barre e dello sterzo. E non è uno scherzo, ma anche le ruote posteriori sono sterzanti.

Il motore è un potente biturbo da 3,5 litri, capace di 415 CV e 600 Nm di coppia. La scelta è tra il 6, e l’8 cilindri a V. Il cambio è automatico, a 10 rapporti, e la Lexus LS 500 è in grado di portarvi da 0 a 100 km/h in 4,5 secondi. A soddisfare il pilota anche il computer di bordo, con schermo da 12,3 pollici, touch screen come uno smartphone ma con la scrittura a mano libera integrata. Tra gli optional però, anche lhead-up display a colori da 24 pollici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>