Arriva la prima auto subacquea?

di Alba D'Alberto Commenta

Bond-Lotus-Esprit-sub

Qualcuno ricorderà che in un film di James Bond del ’77, facente parte della mitica saga dedicata al celebre agente segreto 007, c’era un’auto capace di camminare sott’acqua. A distanzaa di molti anni Elon Musk, proprietario del marchio Tesla, si è aggiudicato in un’asta a Londra l’auto. Si tratta di una Lotus Esprit subacquea, pagandola ben 989.000 dollari. Il motivo trascende il puro collezionismo. Musk avrebbe infatti il desiderio di trasformare l’automobile della fiction cinematografica in un modello vero e proprio da esportare sul mercato.

Attualmente la Lotus Esprit del film comprata dal ‘boss’ della Tesla è a tutti gli effetti un minuscolo sottomarino che può essere azionato esclusivamente sott’acqua, governato tra l’altro da un subacqueo equipaggiato composto da muta, bombole e respiratore.

Dopo aver ammirato moltissimo il film Musk ha avuto l’intuizione geniale: rendere il modello del film un’auto vera e propria ed equipaggiarla con un sistema di propulsione elettrico della Tesla, per poi farla funzionare come accade nel Film di Bond. Stando al costruttore, l’auto elaborata dalla Tesla sarebbe anche capace di funzionare su strada come un normale veicolo a propulsione elettrica.

Una volta in acqua, però, la nuova ‘trasformazione’ di Musk sarebbe in grado di configurarsi come un sottomarino capace di evolvere in mobilità subacquea, ovviamente utilizzando propulsori elettrici della Tesla. Ad ispirare il fantasioso Elon Musk è stata soprattutto la scena del film in cui Roger Moore si getta da un molo in velocità terminando in mare. Non appena l’auto di Bond comincia ad affondare, l’eroe di Ian Fleming pigia un tasto che è in grado di fare ritrarre le ruote e far uscire fuori anche le eliche e le appendici aerodinamiche a forma di pinne.Tutto questo sarà realtà? Staremo a vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>