Auto a idrogeno, Honda e GM ci riprovano

di marco mancini Commenta

Il futuro dell’auto è quello delle emissioni zero o quasi. Dato per certo questo obiettivo, bisogna cercare di capire come raggiungerlo. Molte case automobilistiche stanno puntando sull’elettrico, ma esiste una tecnologia, inventata quasi 40 anni fa, che per mancanza di fiducia e forse anche per il costo elevato non viene quasi mai tenuta in considerazione, quella dell’idrogeno. Ci provano oggi Honda e General Motors con un’alleanza che mira a rivoluzionare il mercato.

L’idea di fondo è di far diventare l’auto ad idrogeno non solo l’alternativa ai combustibili fossili, ma persino all’elettrico. Per questo si vuole intraprendere una politica molto simile a quella delle auto EV, basata sulla capillarizzazione delle stazioni di rifornimento ed una tecnologia fantascientifica. Anzi, teoricamente l’auto a idrogeno è anche più conveniente di quella elettrica perché i tempi di ricarica sono molto vicini a quelli di un’auto a benzina (per quella elettrica ci vogliono alcune ore), e mentre per produrre elettricità molto spesso si utilizzano i combustibili fossili, per l’idrogeno il ciclo di produzione è completamente a zero emissioni.

La tecnologia è quelle delle celle a combustibile che dovrebbe essere pronta entro 7 anni. L’accordo è stato effettuato con l’obiettivo di abbattere i costi, ed il primo prototipo che vedremo montare una tecnologia simile sarà una Honda FCX modificata che si prevede sarà pronta già nel 2015.

Crediamo che la tecnologia a fuel cell sia una delle possibili alternative ai combustibili fossili e siamo convinti che questo sia il modo migliore di portarla a avanti. Fra tutte le tecnologie a zero emissioni, le fuel cell hanno il vantaggio di garantire maggiore autonomia rispetto alle vetture elettriche con tempi di rifornimento paragonabili a quelli delle auto convenzionali

hanno commentato i presidenti delle due società nel comunicato congiunto. Speriamo solo che questa unione non faccia la fine dell’esperimento sulla Chevrolet Equinox o dell’accordo Daimler-Ford-Renault-Nissan di cui non si è saputo più nulla.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>