Auto elettriche economiche, arriva la Streetscooter

di marco mancini Commenta

Uno dei limiti dell’auto elettrica è il costo delle volte eccessivo per una tecnologia dalle prestazioni di gran lunga inferiori a quelle di un’auto tradizionale. Anche questo ostacolo però potrebbe essere presto superato grazie alla Streetscooter, una nuova auto elettrica tedesca che, stando alle previsioni, costerà appena 5000 euro. Escluso il prezzo del noleggio della batteria che è una pratica sempre più diffusa.

L’annuncio è arrivato in occasione della Frankfurter Allgemeine Zeitung (Faz), una convention di case automobilistiche in cui il presidente della Streetscooter, Achim Kampker, ha presentato il suo progetto. Si tratta di un consorzio che racchiude 6 aziende del comparto automobilistico, le quali si sono unite per creare la prima auto elettrica low cost tedesca. Nata da un progetto universitario, questa bella macchinina assomiglia un po’ alla Twizy con un design vicino a quello della Mini Cooper. Verrà realizzata ad Aquisgrana con una media di 250-400 vetture al mese proprio perché per mantenere basso il prezzo c’è bisogno di vendite su larga scala.

E così anziché realizzare poche decine di modelli al mese e farli pagare 30 mila euro l’uno, come accade negli ultimi tempi, meglio costruirne 400 e farli pagare cinquemila euro. Questo modello avrà inoltre prestazioni più o meno nella media del settore. La velocità massima è di 85 km/h e l’autonomia è di 130 km. A dir la verità su quest’ultimo punto non ci sono dati precisi perché esistono tre tipi diversi di batteria che danno prestazioni differenti. Quella più economica infatti garantisce solo 45 km di autonomia, quella intermedia 90 e solo la migliore arriva a 130. Ad ogni modo è un ottimo investimento, visto il prezzo.

La Streetscooter inoltre non si è fermata qui ma ha annunciato anche di aver avviato la produzione di un furgone elettrico che già sta avendo successo visto che 50 pezzi sono già stati ordinati dall’ente delle poste nazionali tedesche. Per poter vedere questa novità sul mercato bisognerà aspettare la metà del 2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>