BMW i8 Concept Spyder: sportiva a doppia alimentazione

di Blogger Commenta

bmw-i8-concept-spyder-doppia-alimentazione

Dati i costi di benzina e gasolio che non sembrano fermarsi mai, c’è una grande corso alla ricerca di carburanti alternativi, quasi più spasmodici delle notizie del calciomercato di questi ultimi tempi. Sulle alimentazioni a idrogeno, è arrivato l’accordo fra Daimler-Benz, Ford e Renault-Nissan. Anche Bmw e Toyota stanno facendo la corsa nel campo dell’alimentazione elettrica, da questo nascono i nuovo modelli BMW i8.

Per il momento rimane un prototipo, molto si avvicina alla produzione di serie e alla successiva commercializzazione. Si tratta appunto della BMW i8 concept spyder che si può definire a tutti gli effetti un’auto sportiva ibrida elettrica che sarà proposta sia in versione coupé che cabrio.

BMW i8 concept spyder è una classica spyder due posti scoperta, dinamica, dotato di un motore di piccola cilindrata 3 cilindri, ma molto potente, in grado di erogare 223 cavalli per la sola versione termica, ai quali si aggiungono i 130 di quello elettrico, con una coppia massima di 300 Nm di coppia massima.

Ci sarà anche la versione coupè della BMW i8, in questo caso a bordo potranno viaggiare quattro passeggeri. Il motore elettrico è posizionato sull’asse anteriore, il termico tradizionale si trova sul retrotreno. Una vera e propria sportiva a trazione posteriore, che si vanta di una capacità di accelerazione che da ferma arriva a 100 km/h in meno di 5 secondi. Potrà raggiungere una velocità massima di 250 chilometri orari.

I consumi medi della BMW i8 parlano di 100 chilometri che richiedono 3 litri di benzina. L’autonomia di marcia completamente a impatto zero è di soli 35 km con le attuali batterie agli ioni di litio. Ma si ricaricao velocemente in un paio d’ore utilizzando una presa domestica a 220 Volt. Subito dopo subentra il motore a benzina, per questo Bmw e Toyota si stanno orientando verso le batterie aria/litio.

La BMW i8 potrà contare anche su materiali nuovi e all’avanguardia, leghe composite e fibra di carbonio, tutto questo anche grazie all’accordo raggiunto con Boeing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>