Alfa Romeo doppietta sul podio della Milano Sanremo 2011

di Blogger Commenta

 Alfa Romeo è stata Main Sponsor della IX Rievocazione Storica della Coppa Milano-Sanremo dedicata alle auto immatricolate fra il 1906 e il 1981, che si è svolta dall’11 al 13 di marzo, patrocinata dal Comitato per le celebrazioni dell’Unità d’Italia e promossa dall’Automobile Club di Milano. La prestigiosa kermesse è stata organizzata dall’agenzia MAC Group. Erano 150 le automobili provenienti da tutto il mondo, un vero e proprio “museo in movimento”, che ha raccontato la storia della mobilità dal 1861 ad oggi.

Il podio parlava Alfa Romeo, essendosi classificati due preziosi esemplari del Museo Alfa Romeo: la “6C 1500 Super Sport” del 1928 (equipaggio Moceri-Labate) e la 6C 1750 Gran Sport” carrozzata Zagato del 1930 (Salvinelli-De Marco). Nonostante le condizioni meteo proibitive, la “6C 1500 Super Sport” del 1928 ha tagliato per prima il traguardo di Milano bissando così il successo dello scorso anno e riconfermando, oltre all’abilità dell’equipaggio, le caratteristiche di affidabilità e brillantezza che contraddistinguono questo modello.

La seconda classificata è stata la mitica Alfa Romeo “6C 1750 Gran Sport” carrozzata Zagato del 1930, un’icona tra le gran turismo anni 30 che ha accompagnato la 1500 sotto la bandiera a scacchi di Milano. Inoltre, entrambe le vetture prenderanno parte alla Mille Miglia del prossimo maggio con gli stessi equipaggi.

Il team organizzativo della IX Rievocazione Storica della Coppa Milano-Sanremo si è mosso su una flotta di Alfa Romeo Giulietta, il brillante 1.4 MultiAir Turbobenzina, premiato come “Miglior Nuovo Motore dell’Anno 2010” dalla giuria internazionale International Engine of The Year, e il 2.0 JTDM-2 da 140 CV che completa la gamma dei turbodiesel. Alfa Romeo Giulietta è anche una vettura funzionale con alti livelli di abitabilità e comfort, 5 comodi posti, oltre ad essere la berlina due volumi più sicura secondo Euro NCAP (cinque stelle rating 2010 con un punteggio globale di 87/100) ha un occhio di riguardo anche per i costi di gestione, dimostrato dai tagliandi delle motorizzazioni diesel a 35.000 Km.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>