Occhi puntati sui costruttori asiatici e novità europee

Salone di Shanghai 2009, aperto al pubblico dal 24 al 28 aprile, è uno dei saloni più importanti del mondo asiatico e non solo, Porsche ha infatti scelto di presentare proprio in Cina l’ ampliamento della sua gamma, prima esposizione assoluta della coupé quattro porte Panamera, quarto modello della gamma 911, del resto la Casa è presente sul mercato cinese dal 2001, ed ha chiuso il 2008 con più di ottomila macchine vendute.

Gli occhi sono tuti puntati sui costruttori locali che detengono oltre la metà del mercato, decisamente molto lontano dal nostro. In Cina i costruttori sono diversificati, si passa dai gruppi tradizionali a partecipazione statale Faw, Saic e Beijing, che si sono sviluppati grazie a come GM e Volkswagen, che convivono con piccoli o medi produttori privati che si stanno via via espandendo adeguandosi alla crescita della classe media. Ren Allen, general manager per l’ Europa della Great Wall, ha dichiarato che la crisi li ha colpiti esclusivamente per quel che riguarda le esportazioni, al contrario della domanda interna che si è raddoppiata.

Il Salone di Shanghai 2009, con cadenza biennale, è nato nel 1985 ed è una vetrina internazionale, decisamente cresciuto rispetto all’ edizione del 2007 che ha visto solo poco più di 500.000 visitatori provenienti da 108 paesi, contro i 1500 marchi di questa edizione il cui esatto nome è Shanghai New International Expo Centre (SNIEC), dispone di 11 padiglioni per un totale di 126.500 mq di spazio espositivo coperto e circa 100.000 mq di spazio espositivo all’aperto. Lo slogan della 13esima edizione è L’ Arte dell’ Innovazione.

Un mercato vivace quello cinese, dunque, lo si intuisce dalle anteprime presentate al Salone di Shanghai 2009, a partire dalla Chery, primo costruttore cinese, che ha lanciato due nuovi Rely e Riich, e proprio con il marchio Riich sta partendo la commercializzazione di tre vetture con un design italiano, già presentata come concept lo scorso anno al Salone di Pechino. Stiamo parlando della due volumi M1, una versione crossover X1 e della tre volumi M5 (tre volumi). Geely parla addirittura di 22 novità, le più importanti sono la minicar IG tre posti, la coupè GT concept, vicina alla produzione e la EK2, ad alimentazione esclusivamente elettrica. Parlando sempre di auto elettriche, fa la sua parte anche la Great Wall, insieme al modello H7, una Hover a sette posti e l’ inusuale berlina CH011.

La Byd, è un’ azienda nata come produttore di batterie, si lancia nella produzione di veicoli ad energia alternativa e propone la vettura ibrida plug conpatta F3DM che si propone entro la fine dell’ anno di arrivare con F6DM, con lo stesso schema meccanico. Nei loro progetti, è prevista per l’ inizio del 2010 la commercializzazione della e6, solo elettrica con un’ autonomia di 300 km.

Numerose le anteprime mondiali che debuttano in Oriente, Maserati GranTurismo S Automatica, Audi con il rinnovato Q7, Mercedes con l’ ammiraglia S, Ferrari ha organizzato un evento per la presentazione del modello California, berlinetta 8 cilindri con motore anteriore centrale, Porsche, oltre a Panamera, proprone Cayenne e Boxter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>