Auto rottamate nel 2007: procedura per ottenere il rimborso dell’abbonamento al trasporto pubblico locale

di Redazione Commenta

Chi ha rottamato nel 2007 un’autovettura o un autoveicolo per trasporto promiscuo “euro 0” o “euro 1”, senza acquistare un veicolo nuovo o usato e senza essere intestatario di altra autovettura o autoveicolo ad uso promiscuo, può chiedere il rimborso dell’abbonamento annuale 2007 al trasporto pubblico locale. Il rimborso è pari ad un’annualità e riguarda gli abbonamenti al trasporto pubblico nell’ambito del Comune di residenza, domicilio o lavoro, con esclusione degli abbonamenti per i servizi di trasporto pubblico extracomunali o “integrati”. Si darà luogo ai rimborsi fino ad esaurimento dei fondi stanziati e disponibili nel bilancio statale (€ 380.000).

IL PROCEDIMENTO DI RIMBORSO
La procedura di rimborso è molto semplice: basta presentare, entro il 3 Luglio 2008, la domanda ad un qualunque Ufficio Provinciale ACI, di persona o tramite lettera raccomandata A/R, utilizzando il modulo disponibile presso tutti gli Uffici ed allegando la documentazione prevista. L’ACI a sua volta comunicherà l’esito mediante lettera raccomandata A/R, procedendo in caso di accoglimento della domanda al rimborso mediante assegno circolare o bonifico bancario (il rimborso coprirà anche la spesa sostenuta per l’invio della domanda se trasmessa con lettera raccomandata).

I REQUISITI PER OTTENERE IL RIMBORSO
Il richiedente non deve essere intestatario di altra autovettura o autoveicolo ad uso promiscuo.
Il richiedente, inoltre, si impegna a non acquistare un altro veicolo (autovettura o autoveicolo ad uso promiscuo) nel periodo di 3 anni dalla data di rottamazione del veicolo demolito.

Il veicolo rottamato deve:
– essere “euro 0” o “euro 1” (vedi tabella)
– essere stato demolito:
nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2007, se si tratta di un autoveicolo per trasporto promiscuo
nel periodo compreso tra il 2 febbraio e il 31 dicembre 2007, se si tratta di un’autovettura.
Fa fede la data che risulta dal certificato di rottamazione rilasciato dal demolitore autorizzato o dal certificato di radiazione rilasciato dall’ACI;
– essere intestato ad una persona fisica (sono escluse dal rimborso le persone giuridiche);
– essere intestato allo stesso soggetto che chiede il rimborso dell’abbonamento (non a un familiare o a un altro terzo). Se il veicolo rottamato è intestato a più persone o in caso di comunione per successione ereditaria il rimborso può essere concesso una sola volta al richiedente dietro esplicito consenso degli altri contestatari/coeredi.

LA DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE
– Domanda di rimborso redatta sull’apposito modulo; (vedi allegato)
– Copia del certificato di rottamazione rilasciato dal demolitore autorizzato oppure del certificato di radiazione rilasciato dall’ACI;
– Copia del titolo di abbonamento al trasporto pubblico locale rilasciato dall’azienda di trasporto;
– Copia della ricevuta attestante il pagamento dell’abbonamento;
– Eventuale dichiarazione di consenso da parte degli altri cointestatari del veicolo o dichiarazione di consenso da parte degli altri coeredi.

Via | ACI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>