Geo RS bellezza da rubare!

di Redazione Commenta

Geo RS bellezza da rubare Un furto documentato da telecamere di sicurezza, tre sexy ladre all’interno di un museo eludono la sorveglianza e lasciano sulle pareti un segno tribale rosso fuoco. Le indagini partono dal web. Le immagini parlano chiaro: a soccombere al fascino della bellezza e dell’eleganza dei nuovi scooter della linea Peugeot RS sono tre sexy, affascinanti ed esperte ladre d’arte ispirate ad un celebre cartone animato degli anni ’80. La videostoria in due atti ha perfino conquistato l’homepage di Myspace per 5 giorni interi e come un virus ha attaccato tutti i principali siti raggiungendo in Italia un numero impressionante di click nei primi giorni di on air.

Primo video: http://www.youtube.com/watch?v=D-JqvMkt8l4
Secondo video: http://www.youtube.com/watch?v=mw_u4TeS6Lw

Il concept creativo mette in scena il furto dell’ultimo “bijou” di casa PeugeotMoto Italia: la serie RS – con gli scooter Geo e Sat in cui l’estetica, la bellezza del design, la tecnologia e la funzionalità sono perfettamente espressi dal payoff di marca “Reinventa il piacere a due ruote“.
L’iniziativa di comunicazione non convenzionale, firmata dall’agenzia di comunicazione e design Pescerosso, non si ferma al web ma prevede a Napoli, Torino, Firenze, Palermo e Genova una serie di attività di marketing sul territorio che vedono nella product experience la fase conclusiva del progetto.
Fino a fine giugno, gli appassionati di scooter possono infatti recarsi presso un concessionario ufficiale Peugeot che aderisce all’iniziativa e partecipare ad un concorso che mette in palio 5 weekend a Berlino per due persone tra tutti coloro che proveranno un modello RS.

Per informazioni sui nuovi scooter Peugeot RS e per prenotare una prova veicolo: www.peugeotmoto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>