Derby Del Piero–Chiambretti: 1 a 1, ad ognuno la sua 500

di Redazione Commenta

delpiero_500.jpg Alessandro Del Piero, capitano della Juventus F.C., sangue bianco nero da sempre e Piero Chiambretti, popolare showman, cuore granata da sempre hanno ritirato ad ottobre le rispettive Fiat 500. Le loro vetture sono state progettate e realizzate ad hoc per questi due personaggi, simboli, ognuno con la sua professione e le sue capacità, della città di Torino. Per Alessandro Del Piero è stata costruita una Fiat 500 contraddistinta da una carrozzeria bianco pastello e rivestimenti interni in grigio/marrone. Allestimento Sport e motorizzazione 1.4 16v da 100 CV. La vettura è anche dotata di climatizzatore automatico, fendinebbia, sedile posteriore sdoppiato, fasce paracolpi e pinze dei freni verniciate di rosso. La Fiat 500 del campione bianco nero è la numero dieci, la decima uscita dalle linee di produzione.
La 500 è stata consegnata ad Alessandro Del Piero da Lorenzo Sistino, Amministratore Delegato di Fiat Automobiles, durante una cerimonia svoltasi il 10 ottobre presso il Mirafiori Motor Village di Torino.
Per Piero Chiambretti, che aveva approfittato della serata Welcome 500, per manifestare in diretta tv il desiderio di possedere una 500 in versione granata, una 500 motorizzata 1.4 16v da 100 CV (per par condicio), con allestimento Lounge e dotata di un ricchissimo equipaggiamento. La 500 è stata realizzata dal Centro Stile Fiat insieme a Chiambretti e vede spiccare sulla carrozzeria colore granata, realizzata appositamente per questo modello esclusivo, il “Toro Rampante”, icona e simbolo del Torino F.C. Il 22 ottobre Piero Chiambretti ha ricevuto la sua 500 da Lorenzo Sistino, durante la cerimonia che si è svolta presso il Mirafiori Motor Village (sempre per par condicio).

Via | Fiat500

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>