Il segnalatore della Hyundai per non dimenticare più i bimbi

di Daniele Pace Commenta

bimbi-in-auto

I bambini dimenticati in auto e poi purtroppo deceduti sono sempre più numerosi, e per questo le case automobilistiche stanno correndo ai ripari, per evitare le tragedie che solo negli Stati Uniti riguardano quasi 800 casi in 20 anni.

La Hyundai ha progettato il “Rear Occupant Alert” e sarà in dotazione su tutti i veicoli a partire dal 2019. Si tratta di un rilevatore di presenza ad ultrasuoni che può “vedere” la presenza dei bambini, ma anche degli animali, sui sedili posteriori, grazie ai sensori di movimento. Il sistema avverte automaticamente il conducente, ma anche i passanti, attraverso l’attivazione del clacson e delle luci lampeggianti. Un avviso viene inviato anche allo smartphone. Quando si spegne l’auto, ma il conducente è ancora all’interno, il sistema riconosce la situazione e attiva un avviso sul display dell’auto, ma se il conducente chiude l’auto, e ci sono movimenti all’interno, allora gli avvisi diventano più numerosi e forti.
L’emergenza dei bimbi abbandonati in auto aveva più volte richiamato l’attenzione a individuare delle innovazioni per evitare il peggio, specialmente in estate, e ora sono molte le case automobilistiche interessate. La Nissan infatti ha già studiato e programmato l’inserimento del sistema “Rear Door Allert” già a fine anno almeno sull’ammiraglia Pathfinder, ma anche i governi si stanno muovendo. In Italia tali dispositivi potrebbero diventare obbligatori già dal 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>